skip to Main Content

Get in touch today to request a quote.

12 Idee Autunnali Per I Bambini In Abruzzo

12 idee autunnali per i bambini in Abruzzo

0 Condivisioni

Cosa fare con i vostri bambini in Autunno?

Ecco le prime 12 idee autunnali che mi vengono in mente.

Le ho scritte un pò così di getto, in base alle cosine che abbiamo sperimentato noi.

E’ un elenco di 12 idee autunnali dedicato a  voi e i vostri bambini da vivere nella natura e anche in  casa.

Troverete link di approfondimenti  ad articoli e post di Facebook, foto e qualche mia licenza poetica nel ricordare i miei cari.

Sono le nostre piccole cose, non troverete parchi giochi, gonfiabili, né centri commerciali, ma solo genuine esperienze.
 I bambini vivono di semplicità, di curiosità e di scoperte, non servono tante cose per renderli felici.
Ciò che ameranno di più e ricorderanno per sempre, sarà la vostra calorosa presenza.

1.  Portarli nei boschi tra pigne, foglie secche e alberi: l’idea autunnale per eccellenza

L’abruzzo offre tantissime opportunità per stare all’aria aperta con i bambini : il mare, la montagna, i sentieri, i boschi, i borghi, le aree faunistiche e tanto altro.

Con 3 Parchi Nazionali, uno Regionale e più di 30 aree protette in tutte e 4 le province, potrete davvero trovare ciò che preferite, anche in base all’età dei vostri bambini.

Ecco alcuni dei posti che abbiamo visitato : Oasi di Serranella, Bosco di Don Venanzio, Piana delle Mele a Guardiagrele, la Camosciara.

Noi amiamo semplicemente passeggiare tra gli alberi, con la nostra piccola in marsupio, respiriamo  aria pulita, raccogliamo foglie, piccole pigne, frutti e ramoscelli per decorare la nostra casa nel periodo autunnale.

2. La raccolte delle castagne : idea autunnale non semplice in Abruzzo

Ho sempre desiderato raccogliere le castagne e riportarle a casa, è sempre stata la mia prima idea autunnale di sempre.

La maggior parte di castagneti, o comunque quelli più grandi ed importanti si trovano nelle province di Teramo e dell’Aquila.

Per citarne alcuni, vi indichiamo i castagneti  di Leofara, Senarica e Morrice.

Qui a Morrice, i troverete il Piantone di Nardò, il nonno dei castagni : un maestoso ed imponente esemplare, di 17 metri di circonferenza e di età stimata intorno ai  500 anni.

Nella Valle Roveto a Morino e Canistro, troviamo la famosa Castagna Roscetta e nella Marsica (Sante Marie e sue frazioni) dove si svolge la cicloturistica della castagna.

La maggior parte di castagneti sono privati, pochissimi comunali, la raccolta non è permessa, per  il mio consiglio è di rivolgersi sempre ad enti o associazioni che organizzano le visite con raccolta.

Annualmente sono tante le attività  attorno a questo ottimo prodotto autunnale e molteplici le sagre, gli eventi ed i trekking che svolgono tra ottobre e novembre.

3. Far decorare una zucca per Halloween: idea autunnale dall’America

Bellissimo nei giorni di pioggia, preparare un tavolo da lavoro per mettersi a creare delle decorazioni a tema.

Preparare e programmare un’attività è di per se qualcosa di molto educativo.

Aiuta il bambino a capire l’ordine degli oggetti, l’ordine dei processi, l’utilità di ogni singolo attrezzo ed un volta concluso il lavoro il riordino nei luoghi destinati agli strumenti è fondamentale.

Per non parlare dell’ aspetto meditativo e caloroso che i bambini provano a stare intorno ad un tavolo con i propri famigliari per mettersi in gioco nelle creazioni.

Creare una zucca di Halloween è qualcosa di molto semplice. 

Abbiamo acquistato una di quelle zucche apposite, dentro hanno poca polpa, così lo spreco è meno.

Si taglia un cappello, si svuota dai semi e si lascia asciugare per 1 giorno intero.

Quando sarà asciutta è possibile disegnare sulla zucca occhi, bocca e naso e con un coltello intagliarlo.

E’ chiaro che alcune operazioni sono relative all’età del bambino, i piccolini alcune cose non potranno farle, ma vi assicuro che amano guardare e ascoltano con passione le spiegazioni che gli vengono date.

Bene è l’ora di trovare un posto alla vostra bellissima zucca.

Inserite una candela, magari un pò alta, sarà più semplice da accendere senza ustionarsi oppure ancora meglio delle lucine a Led a batteria.

4. Comprare dei lumini e insegnare loro come si addobba la Tavola la notte in cui i nostri cari defunti passeranno a trovarci : idea autunnale non conosciuta

Ecco questa è una cosa molto carina da insegnare ai propri bambini.

Mia mamma ci teneva tanto a questa tradizione in segno di rispetto dei nostri parenti e amici cari defunti.

La notte di Ognissanti tra il 31 Ottobre e il 1 Novembre l’usanza vuole che prima di andare a dormire è necessario lasciare la tavola apparecchiata per i nostri cari che non ci sono più.

Pare che in questa notte, le anime vengano a trovare i propri cari nelle case e per questo è ben offrire loro del ristoro.

Una bella tovaglia, una brocca d’acqua e del vino, bicchieri e delle fettine di pane, dell’uva e quello che più pensiamo possano renderli felici.

Mia mamma lo ha sempre fatto e quando ero piccolina mi raccontava questa storia.

Allora io, in realtà poi quando mi mettevo a letto avevo paura di svegliarmi con qualche rumore di piatto o forchetta nel buio della cucina, ma poi cercavo di ricordarmi le parole di Mamma “Sono i nostri cari parenti, vengono a salutarci, a vedere come stiamo. Loro ci vogliono bene”.

Tengo molto a questa festività, perché sono diverse le persone che mi mancano e per questo cerco di onorarli.

Insegnare questo ai bambini è importante, l’amore, il ricordo, l’accoglienza, il pensiero per chi non c’è più.

5. Portarli ad ascoltare i bramiti dei cervi in amore a Villetta Barrea: idea autunnale libera e felice

Idea autunnale a Villetta Barrea i cerci con Weekend Abruzzo

Questa è un’altra ottima idea in questo periodo dell’anno, la stagione in cui i cervi sono in amore.

E c’è un posto in Abruzzo in cui i cervi girovagano ben liberi nel paese, ed è Villetta Barrea nel Parco  Nazionale d’Abruzzo.

In questa zona peraltro sono tante le attività da fare anche con i vostri bambini tra passeggiate, escursioni e visite tra gli animali.

Sarete vicini alla Camosciara e le sue cascate, a Barrea con il suo lago artificiale che ricorda un cuore, a Pescasseroli con  il centro visite del Parco faunistico e  il museo naturalistico, Scanno con il lago a forma di cuore e non dimenticate il Centro Visita Daini.

6. Portarli a raccogliere l’ulivo con un “fazzolo” in testa: idea autunnale della nonna

Se avete l’occasione grazie a parenti ed amici, passare una o più giornate a raccogliere l’ulivo è una esperienza che i bambini non dimenticheranno mai.

Quando ero bambina, i miei genitori mi portavano nel paese dei miei nonni a raccogliere l’ulivo.

La mia nonna dalla sera prima cucinava per noi, era un lavoro Si ma anche un giorno di festa.

Ci svegliavamo presto la mattina, nonna ultimava i preparativi per il pranzo agricolo, indossava i suoi vestiti da raccolta, sempre con un “fazzolo” in testa o un cappello di lana e si partiva.

Era freddo, perché una volta quando si raccoglieva l’olivo era freddo, ora le stagioni sono cambiate.

Gli adulti tiravano le reti sotto le pianta, fornivano i bambini di rastrelli rossi e ci dicevano che il nostro ruolo era importante, perché dovevamo raccogliere le olive dai rami pendenti bassi e soprattutto raccogliere a mano le olive cadute per terra.

Alla fine era una faticaccia, perché le campagne di nonno era quasi tutte in pendenza.

L’ora del pranzo era il momento più bello, tutti seduti per terra, in un grande vero pic- nic a mangiare praticamente sempre pasta e fagioli.

Dio quanto pagherei per rivivere questi momenti con i miei nonni, sono sicura che anche i vostri bambini apprezzeranno l’esperienza.

7. Farsi aiutare a pulire l’uva per fare la scrucchiata abruzzese : idea autunnale dolce

La scrucchiata abruzzese è la marmellata d’uva di montepulciano, un’uva di cui l’Abruzzo si pregia.
 
L’uva Montepulciano oltre a regalarci un vino importante e pregiato, ci permette di produrre la base per diversi dolci abruzzesi, uno di questi sono i cellipieni di San Vito Chietino.
 
Non sono tante le famiglie che oggi portano avanti la tradizione, perché il processo è lungo, dispendioso e laborioso, ma qualcuno c’è ed io sono andata a documentarmi.
 
 
La marmellata d’uva richiede anche 2 giorni di lavoro, ma è un momento conviviale in cui le famiglie, i vicini di casa uniscono le forze per portare avanti la tradizione e soprattutto per fare dispense di prodotti di qualità.
 
I bambini saranno molto di aiuto, soprattutto nel separare i chicchi d’uva ( gli acini) dal raspo e nel fare gli assaggiatori a conclusione.
 

8. Andare a raccogliere lo zafferano a Navelli per poi insegnare loro la calma di separare le cose : idea autunnale da non perdere 

Bellissima esperienza da fare con i bambini nel periodo  tra ottobre e novembre.
 
L’ Abruzzo, nella zona dell’ altopiano di Navelli, provincia dell’Aquila offre l’opportunità di raccogliere e scoprire la spezia più costosa al mondo: lo zafferano DOP di Navelli.
 
La cooperativa Altopiano Navelli vi accompagnerà in un vero e proprio workshop dello zafferano, dalla raccolta sui campi, alla sfioratura nel convento, alla degustazione dei prodotti.
 
I vostri bambini saranno felicissimi di passare una mattinata nella natura e soprattuto di raccontare di aver toccato con mano i fiori viola dello zafferano che arricchirà i loro risotti pregiati.
 

9. Fare un giro in carrozza alla Camosciara: idea autunnale ma non solo 

A Civitella Alfedena nel Parco Nazionale d’Abruzzo troverete la stupenda area naturalistica protetta  della Camosciara.

In autunno potrete condurre i vostri bambini in un mondo ricco di bellissime faggete colorate e raggiungere le cascate delle Ninfe e delle Tre Cannelle salendo sugli scalini di radici.

Potrete vivere questa esperienza in diversi modi, a cavallo, in carrozza, in mountain bike a noleggio oppure fare un bellissimo giro con il trenino turistico tanto amato dai bambini.

Fare un pic- nic, responsabile mi raccomando, nelle aree attrezzate e godere della autunnale natura.

10. Fare i cillipieni con la marmellata d’uva: idea autunnale impara l’arte e mettila da parte

Idea autunnale con i bambini : fare i cellipieni - Weekend Abruzzo

Dopo aver fatto la marmellata d’uva è necessario fare i cellipieni, il dolce tipico di San Vito Chietino.

Sono dei dolci secchi, a base di farina, lievito, olio, vino e zucchero a forma di taralluccio riempito con un farcia di marmellata d’uva, mandorle tritate, cioccolato e buccia d’arancia.

In realtà, i bambini amano mettere le mani in pasta, quindi potrete fare tutto quello che volete, tra dolce e salato, ma volevo introdurvi questo dolce, che poi alla fine non è così difficile da fare ed è anche molto sano perché cotto al forno.

11 Andare in giro per i castelli abruzzesi quando il pomeriggio cala la notte : idea autunnale nella foschia

In Abruzzo è possibile visitare tantissimi castelli e a quale bambino non piacciono i castelli?
 
Il momento migliore in autunno per visitare un castello è il pomeriggio, perché la foschia arriva a rendere l’atmosfera davvero Halloweeniana.
 
Io ricordo con grande stupore il Castello di Bominaco, in provincia dell’Aquila, raggiungibile a piedi salendo su per 250 scalini.
 
Il castello ha un ingresso gratuito e andar su è davvero qualcosa uno spettacolo
 
Con la foschia, i paesi ai suoi piedi sembravano tanti presepi o fiaccole, intorno a se nebbia.
 
Una volta dentro, mi sono sentita davvero come nella notte delle streghe.
 
Bominaco è un esempio, perché di Castelli ne abbiamo davvero tanti, solo per citarne altri 2, abbiamo Roccascalegna con la legenda della mano insanguinata e Rocca Calascio il castello di Lady Hawke.
 
L’esperienza sarà ancora più autentica, se prima si studiano le storie e le legenda che dovrete assolutamente raccontare ai vostri bambini durante la visita, oppure verificare se ci sono guide che organizzano dei tour.

12. Preparare un set fotografico per la notte di Halloween in casa con le cose più semplici : idea autunnale in casa

Si sa la casa è sempre la casa e a tutti noi piace immortalare i momenti con la nostra famiglia.
 
Allora Halloween e l’autunno possono essere 2 validi pretesti per organizzare tutta la famiglia ad impegnarsi nella creazione di un set fotografico per la notte di Halloween o semplicemente per dare calore alla casa durante tutto il periodo autunnale.
 
Serviranno cestini di vimini, foglie secche raccolte precedentemente, castagne, pigne, zucche decoratedi vario tipo, un telo, lenzuolo, coperta o tovaglia marrone e soprattutto abiti che ricordano l’autunno dai colori, marroni, gialli, arancioni o se volete essere mostruosi abiti paurosi.
 
Non dimenticate il telefono o una macchinetta per le foto, delle luci, lampade, piccoli Led per rendere l’atmosfera ancora più suggestiva.
 
E se vi va taggate Weekend Abruzzo su Facebook !!!!
 

Cosa puoi fare con Weekend Abruzzo

Speriamo che il nostro articolo vi sia piaciuto, ora non resta a voi divertirvi.

Per supportarci potete:

  • condividere i nostri articoli;
  • seguire le nostre pagine social;
  • mettere un mi piace alle nostre pagine;
  • invitare i vostri amici a farlo;
  • inviare consigli, commenti, ecc

E se avete una storia da raccontare,  un servizio da proporre, un’attività da condividere, scriveteci su Facebook o Instagram

Partecipiamo a progetti e collaborazioni e montaggi video nei borghi durante le tradizionali feste.
 
0 Condivisioni
Back To Top